Alba, Arad, Argeş, Bacău, Bihor, Bistriţa-Năsăud, Botoşani, Brăila, Braşov, Buzău, Călăraşi, Caraş-Severin, Cluj, Constanza, Covasna, Dâmboviţa, Dolj, Galaţi, Giurgiu, Gorj, Harghita, Hunedoara, Ialomiţa, Iaşi, Ilfov, Maramureş, Mehedinţi, Mureş, Neamţ, Olt, Prahova, Sălaj, Satu Mare, Sibiu, Suceava, Teleorman, Timiş, Tulcea, Vâlcea, Vaslui, Vrancea
Romania il paese ideale per le vacanze
Home » Mangalia

Fișier:ROU Mangalia COA.jpg Mangalia

Mangalia è un municipio della Romania, ubicato nel distretto di Costanza, nella regione storica della Dobrugia.

Fanno parte dell'area amministrativa anche le località: Cap Aurora, Jupiter, Olimp, Venus, Neptun, Saturn.

Mangalia trae origine da una colonia greca chiamata Callatis, fondata dai Macedoni, in particolare da Aminta III di Macedonia nel IV secolo a.C.. Fino al IX secolo era conosciuta come Panglicara dai Greci, come Pangalia dai Turchi e come Tomisovara dai Romeni.

Il nome Mangalia appare invece per la prima volta in un documento del 1593.

Mangalia è la città più meridionale della costa romena del Mar Nero, circa 44 km a sud di Costanza.

Dal punto di vista climatico, risente della posizione rivierasca, con inverni relativamente miti ed estati calde che ne fanno una stazione balneare di buona importanza, come del resto tutte le località della costa.

Il turismo è la prima fonte di reddito di Mangalia, conosciuta da molti anni come stazione balneare e per la talassoterapia.

Un'altra fonte di ricchezza della città è il porto commerciale, anche se la gran parte del traffico mercantile fa rotta verso Costanza, il principale porto della Romania.

Tra le attrattive di Mangalia meritano una menzione:

  • Una tomba Scita, scoperta nel 1959, dove venne ritrovato un papiro scritto in greco, il più antico documento del genere in Romania.
  • Le rovine della cittadella di Callatis, con la necropoli annessa.
  • La Moschea di Mangalia (Esmahan Sultan), la più antica moschea della Romania, costruita nel XVI secolo

Molti dei reperti provenienti dagli scavi archeologici sono conservati nel Museo Archeologico locale, con una ricca collezione di anfore e sculture ellenistiche e frammenti di sarcofagi in pietra.