Alba, Arad, Argeş, Bacău, Bihor, Bistriţa-Năsăud, Botoşani, Brăila, Braşov, Buzău, Călăraşi, Caraş-Severin, Cluj, Constanza, Covasna, Dâmboviţa, Dolj, Galaţi, Giurgiu, Gorj, Harghita, Hunedoara, Ialomiţa, Iaşi, Ilfov, Maramureş, Mehedinţi, Mureş, Neamţ, Olt, Prahova, Sălaj, Satu Mare, Sibiu, Suceava, Teleorman, Timiş, Tulcea, Vâlcea, Vaslui, Vrancea
Romania il paese ideale per le vacanze
Home » Cernavodă

Fișier:ROU Cernavodă COA.png Cernavodă

Cernavodă è una città della parte occidentale della distretto di Costanza(Constanța), in Dobrugia, România

È situata a 59 km dalla città di Constanza. La località ha una posizione privilegiata per la sua posizione sul argine destro del braccio del ' vecchio Danubio ', nel punto di contatto con il Danubio (Dunărea).

In Romania, è considerato un nodo di trasporto di interesse nazionale, incrociandosi qui linee di trasporto stradale, fluviale e ferroviario.

La città ha un porto sul Danubio, nelle cui vicinanze si trova la centrale nucleare di Cernavoda, unica centrale di questo tipo (CANDU) in România.

La leggenda narra che la città sia stata ricostruita dal leggendario signore valacco Negru Vodă, da cui deriverebbe il suo nome cerna (cernîi) che in slavo significa nero. Un'altra versione è che il nome derivi dallo slavo con il significato di acqua nera. Questo si può anche correlare con il nome del vicino torrente Carasu , che in lingua turca ha lo stesso significato di acqua nera.

Le prime scoperte appartengono alla cultura di Cernavodă (periodo neolitico) - diverse abitazioni e una necropoli (ca. 400 tombe). Nel 1945 sono state scoperte le statue del "pensatore di Hamangia", accanto alla sua compagna datate nella seconda metà del V millennio – inizio del IV millennio a.C.

La città fu fondata da coloni greci con il nome di Axiopolis nel IV secolo a.E.V. come punto di commercio con i daci. In seguito, nel I secolo d.C., fu ricostruita dai romani, condotti da Constantino I, che vi costruì una cittadella. Oggi le rovine della cittadella sono un punto di attrazione turistica sul Danubio.

Nel 1389 Mircea cel Bătrân (Mircea il Vecchio) annesse la Dobrugia, inclusiva Cernavodă, alla Valacchia, ma questa entrera sotto il controllo dell'Impero Ottomano nel 1420 per oltre quattro secoli e la città porterà il nome di Boğazköy, essendo in questo periodo un piccolo villaggio.

In seguito alla Guerra di indipendenza rumena e al Congresso di Berlino, Cernavodă torna sotto il Regno di Romania. Al termine del 1878, la località ottenne il rango di capoluogo della provincia Silistra Nouă. L'integrazione della Dobrugia nel Regno di Romania aumentò l'importanza della città di Cernavodă, poiché la Dobrugia assicurava lo sbocco sul mare per lo stato romeno. Per questo si costrui il ponte di per assicurare collegamenti ferroviari diretti con il resto del Paese, mentre la città diviene un importante luogo di transito sulla strada per Costanza che diverrà il principale porto sul Mar Nero

Tra il 1890 e il 1895, l'ingegnere Anghel Saligny costruì qui un ponte sul Danubio e sul braccio del Danubio, Borcea. Il ponte Re Carol I, (rinominato successivamente Ponte Anghel Saligny), con una lunghezza totale di 4087,95 m fu a quel tempo il più lungo complesso di ponti d'Europa.