Alba, Arad, Argeş, Bacău, Bihor, Bistriţa-Năsăud, Botoşani, Brăila, Braşov, Buzău, Călăraşi, Caraş-Severin, Cluj, Constanza, Covasna, Dâmboviţa, Dolj, Galaţi, Giurgiu, Gorj, Harghita, Hunedoara, Ialomiţa, Iaşi, Ilfov, Maramureş, Mehedinţi, Mureş, Neamţ, Olt, Prahova, Sălaj, Satu Mare, Sibiu, Suceava, Teleorman, Timiş, Tulcea, Vâlcea, Vaslui, Vrancea
Romania il paese ideale per le vacanze
Home » Brăila

Fișier:Actual Braila CoA.png Brăila

http://www.infotravelromania.ro/foto/braila/braila%201.jpg

Brăila è un municipio della Romania, capoluogo dell'omonimo distretto e sede di un importante porto sul Danubio.

L'etimologia del nome Brăila non è nota, tuttavia il nome attuale trae origine da quello originario slavo Brailov.
La città è citata in documenti antichi con diversi nomi: in
tedesco Uebereyl, alcuni documenti in greco parlano di Proilabum o Proilava (probabile grecizzazione di Brailov.
Un insediamento sulla riva sinistra del Danubio che dovrebbe riferirsi alla città viene citato come Drinago in un Libro de conoscimento in
spagnolo del 1350 circa e in alcuni portolani in catalano della prima metà del XIV secolo.

La città fu una kaza sotto il dominio dell'Impero ottomano dal 1540 circa fino al 1829, quando venne restituita al Principato di Valacchia.

Nel XIX secolo era uno dei tre più importanti porti danubiani della Valacchia, insieme a Turnu Măgurele e Giurgiu. Il massimo splendore venne raggiunto dalla città tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo, quando la gran parte delle merci in entrata ed in uscita dalla Romania transitavano attraverso il suo porto.

L'economia della città è prevalentemente basata sui traffici legati al porto sul Danubio, accessibile a navi oceaniche anche di medie dimensioni; la struttura portuale comprende grandi silos per cereali e magazzini per le altre merci.

Non mancano altre attività industriali, in particolare nel settore metallurgico, in quello tessile ed in quello dell'alimentare.

La città è caratterizzata da una serie di vie rettilinee che si irraggiano dal porto, interesecate ad intervalli regolari da altre vie concentriche tra di loro che seguono l'andamento geometrico delle antiche fortificazioni Ottomane.

Nel centro storico sono presenti molti edifici del XIX secolo, molti dei quali ristrutturati recentemente.

Tra i più importanti:

  • La chiesa greco-ortodossa, costruita dalla locale comunità greca nel 1865
  • La chiesa dei Santi Arcangeli (Sfinţii Arhangheli), che sotto l'Impero ottomano era una moschea
  • La chiesa di San Nicola (Sfântul Nicolae)
  • Il teatro Maria Filotti
  • Il Palazzo della Cultura, al cui interno si trova un museo di belle arti
  • L'antica Torre dell'Acqua

Un'altra attrattiva della città è il Parco Pubblico, situato sulle rive del Danubio, che offre un bel panorama sul fiume e sui Monti Măcinului.

Ai primi del 2006 la città ha ricevuto un forte contributo economico da parte dell'Unione Europea destinato alla ristrutturazione ed al rinnovo del centro storico, con l'obiettivo di far diventare Brăila un importante centro di attrazione turistica della Muntenia.